Tirrito (Co.G.I.): “L’ultimo blitz a Palermo testimonia come la mafia si viva e operativa”

247 Views
“Il blitz contro il mandamento di Santa Maria di Gesù-Villagrazia a Palermo, eseguito dal Ros con l’ausilio del Comando provinciale, del Nucleo carabinieri cinofili e del Nucleo elicotteri, nel quale sono stati eseguiti 24 arresti per associazione mafiosa, estorsione, traffico di droga, rapina e trasferimento fraudolento di valori, la dice lunga su quanto il sistema mafioso sia vivo e operativo”, così Maricetta Tirrito, portavoce del Co.G.I., il Comitato dei collaboratori di Giustizia.
“Il territorio siciliano – spiega Tirrito – non ha mai interrotto le sue affiliazioni e i suoi traffici mafiosi. Ogni arresto è la testimonianza che la mafia c’è, e va combattuta come prima e con più forza di prima, per non far passare il concetto di assuefazione alla criminalità organizzata. Ci auguriamo che la nuova amministrazione comunale palermitana dia seguito ai proclami fatti in campagna elettorale contro la mafia, dando nuovo vigore alla lotta quartiere per quartiere, iniziando da una veloce assegnazioni dei beni confiscati. C’è poi un aspetto, che mi preme sottolineare: secondo quanto emerso dalle indagini, coordinate dalle Dda, Cosa nostra avrebbe allungato le mani sulle fasi ‘organizzative, gestionali e esecutive» della festa, finalizzandole «alla ricerca del consenso’.  In questo contesto sarebbe anche stato contattato un noto cantante neomelodico per concordare la sua partecipazione. Da tempo – conclude Tirrito – mi batto per far capire quanto sia sbagliato sottovalutare l’impatto sulle nuove generazioni, ma potremmo anche definirle le… nuove leve, di certa musica neomelodica, fatta inneggiando personaggi al 41bis, denigrando le forze dell’ordine, il tutto magari avendo parentele con famiglie notoriamente mafiose, senza mai arrivare a rinnegare la vita criminale”.
Condividi questo articolo

Related posts

Leave a Comment